La terapia chelante

 

La parola „chelante“ significa nel greco „chela“ e spiega il principio dell’effetto chimico di un complesso che lega metalli chiamato „chelante“. Chelanti legano ioni metallici e poi vengono eliminati dall’organismo in modo naturale. La terapia chelante è un metodo di disintossicazione che nella medicina classica è riconosciuto come misura nel caso di saturnismi. Ma la disintossicazione e pulizia di metalli nel corpo ha un ruolo importante per numerose altre malattie.

Per la terapia chelante EDTA, ben fondata in modo naturalistico, (EDTA si riferisce al acido etilendiamminotetraacetico che forma complessi) si intende un trattamento con fleboclisi che viene utilizzato da ca. 40 anni negli Stati Uniti e da ca. 3 decenni in Germania. Viene tratto vantaggio dal fatto che a causa della formazione di chelanti metalli pesanti ricevono una forma che può essere eliminata, per cui non rimangono più nel tessuto connettivo del corpo.

Il carico costante con metalli pesanti favorisce numerose malattie ed indebolisce considerevolmente la capacità di autoguarigione dell’organismo già malato (p. es. nel caso di cancro). Nel caso della terapia chelante l’EDTA si lega con ioni metallici che sono legati a calcio, lipidi, fibrine (proteine altamente molecolari e non idrosolubili), proteine straniere ed altri componenti. Questi collegamenti vengono trasportati ai reni tramite il sangue dove vengono eliminati.

A causa dell’eliminazione di sostanze inorganiche e tossiche ed ioni metallici la terapia chelante EDTA protegge il corpo da radicali liberi e riduce così il danneggiamento della membrana cellulare. Oltre a ciò l’eliminazione di depositi di calcio patologici nel tessuto, nei muscoli e nei tendini provoca un’agilità migliore dell’uomo e mitiga dolore.

La terapia chelante EDTA è una terapia molto efficace per un gran numero di indicatori:

  • Artrite
  • Degenerazione maculare
  • Diabete Mellito
  • Disfunzione erettile
  • Eliminazione di tossine dopo chemioterapia, consumo di droghe ed alcolismo
  • Fibromialgia
  • Retinite pigmentosa
  • Retinopatia diabetica
  • Sindrome da fatica cronica (CFS)
  • Tutte le malattie vasali arteriosclerotiche

Il trattamento preventivo con la terapia chelante è indicato per molte malattie rischiose e vecchiaia. Si devono prendere in considerazione certe controindicazioni. Dipendente dalla diagnosi, vengono utilizzati anche altri chelanti.


Nach oben


Nach oben